Cerca news

News & Eventi

 
 
Personaggi

Enoteca PERLAGE Barbarossa Wine Store

18 dicembre 2014
  Se il suo motto è “Bollicine tutta la vita!”, la sua enoteca non poteva che chiamarsi Perlage. Nomen omen, direbbero gli antichi, e in effetti la passione del sommelier Enrico Maglio per le bollicine l’ha condotto all’enoteca Perlage Barbarossa Wine Store di via Conciliazione n.4, a Melegnano.
Da dipendente a proprietario il passo è stato breve per lui, che con grinta e determinazione è riuscito a fare di una passione un lavoro. Così nel 2010 Enrico trasforma Perlage in un piccolo scrigno di delizie, dove c’è tutto il suo stile, la sua passione per le bollicine e la sua filosofia nella selezione delle etichette.


Iniziamo subito sfatando un falso mito. Per bere un buon vino occorre spendere grandi cifre?
“Assolutamente no. Si può bere bene sotto i dieci euro, ma bisogna saper scegliere. Questo è un messaggio che cerco di trasmettere a tutti quei clienti che, talvolta, entrano in enoteca con un certo timore, perché pensano che dovranno spendere molto per un regalo o per fare bella figura per una cena”.

Eppure nel mare magnum di produttori ed etichette è difficile sapersi orientare. Cosa consiglia ai consumatori?
“Di andare in un’enoteca fidata e lasciarsi guidare da qualcuno di competente. Nella mia enoteca, per esempio, parto sempre dai gusti dei clienti, per poi andare a delineare un numero di  possibili etichette, dal buon rapporto qualità prezzo, da proporre loro”.

Come seleziona, dunque, le bottiglie?
“Seleziono personalmente i vini italiani partecipando alle principali manifestazioni di settore, mentre per gli Champagne - la mia grande passione - ho scelto alcuni piccoli recoltant manipulant (vignaioli che elaborano e commercializzano le proprie uve ndr), che conosco da molti anni e che rappresentano una certezza qualitativa. Da Perlage è possibile trovare oltre 250 referenze, tra vini italiani ed esteri”. 

Cosa ama del suo lavoro?
“Il contatto diretto con le persone e, soprattutto, il poter spiegare loro tutto quello che so sul mondo del vino. Ritengo, infatti, che ogni enoteca possa rappresentare una validissima alternativa alla GDO”.

Quindi perché venire a trovarla?
“Perché per me il vino non è mera vendita, ma qualcosa di più. Dietro a ogni bottiglia si nasconde, infatti, una storia e una passione da raccontare. Chi viene a trovarmi, conoscerà un sommelier appassionato che può dare informazioni e consigli: dall’abbinamento cibo-vino per una serata speciale, alla bottiglia per tutti i giorni, sino all’etichetta introvabile per un regalo”.

E per i golosi?
“C’è un angolo gastronomico dedicato anche a loro, dov’è possibile trovare eccellenze regionali che ho selezionato personalmente, come il cioccolato di Gobino, la famosa “Torta Pistocchi” di Firenze, l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, il noto sale di Cervia e non posso non citare i pregiati oli extravergine d’oliva della Masseria del Fano, di Raineri di Terre di Shemir. Ma la lista potrebbe continuare ancora… Perlage, inoltre, è sempre a disposizione per creare confezioni regalo per tutte le occasioni”.

E per chi è lontano da Melegnano?
“È possibile usufruire dell’e-shop sul sito internet che consente di acquistare tutti i nostri prodotti direttamente da casa”.

Da ultimo, un piccolo sogno nel cassetto?
“Continuare su questa strada, per trasformare Perlage in un punto di riferimento per gli appassionati enogastronomi di Melegnano e non solo. In questi anni ho lavorato molto sulla selezione dei prodotti, sul rapporto qualità-prezzo e, non ultimo, sulla mia preparazione. Saltuariamente organizziamo anche degli eventi in enoteca per un ristretto numero di persone. Si tratta di serate che mi danno una soddisfazione immensa, perché non c’è niente di meglio che emozionare e lasciarsi emozionare da un grande vino”.

intervista a cura di Giordana Talamona

social media