Cerca news

News & Eventi

 
 
Osservatorio

Osservatorio 9 - Expo ricettività: the wine is on the table

23 settembre 2014
Se come abbiamo visto settimana scorsa (leggi qui), solo il 40% dei produttori intervistati considera Expo un’opportunità per la propria azienda, stupisce che la maggior parte di loro si dica pronto ad accogliere il pubblico straniero. Il 66% dei viticoltori, infatti, si dichiara disposto ad aprire la propria cantina agli stranieri eno-appassionati, sia durante i sei mesi di Expo, che nel futuro.

Di questi, il 33% ha a disposizione delle strutture ricettive, come ristoranti e agriturismi, aperti accanto alle proprie cantine. Si tratta di dati che, seppur positivi, stridono con quelli dell’internazionalizzazione della loro comunicazione (leggi qui), ancora acerba e fatta da un 61% di aziende senza materiale multilingue.

Cifre che, ahimè, quasi si equivalgono, dimostrando quell’impareggiabile e funambolica “arte di arrangiarsi” tutta italian style. Il 66% dei viticoltori che si dice pronto a ricevere gli stranieri, come può comunicare filosofia, produzione e vini senza aver prima internazionalizzato la propria comunicazione? Se con un “the wine is on the table” e un “noio volevan savoir l’edris, jaaaaa”, qualcuno cerca di salvare il salvabile, la realtà dei fatti è che lasciar fuggire uno straniero che ha apprezzato un buon vino italiano, senza, quantomeno, consegnare del materiale multilingue o segnalare un sito e-commerce in inglese, equivale ad averlo perso per sempre.

La prossima uscita de l'Osservatorio riguarderà "I tre problemi principali dei viticoltori nella vendita". Resta connesso tramite i nostri canali social.

social media